SEI IN > VIVERE FRIULI VENEZIA GIULIA > CULTURA
comunicato stampa

Pordenone: in Argentina col Progetto LAZOS

4' di lettura
22

La città di Avellaneda de Santa Fe in Argentina, fondata da immigrati friulani nel 1879, è profondamente legata al Friuli da cui essi partirono alla ricerca di un futuro migliore.

La comunità friulana locale, giunta oggi alla quinta generazione, non ha mai dimenticato la terra d’origine mantenendo viva l'identità attraverso la cultura e i valori trasmessi ai discendenti nati in terra argentina. Grazie ai social e ai mezzi di comunicazione, oggi le giovani generazioni figlie di quegli immigrati friulani possono intessere molto più agevolmente rapporti con la terra dei loro avi.

Da alcuni anni l’Ente Friuli nel Mondo e la Regione FVG, con la collaborazione del Convitto Nazionale Paolo Diacono di Cividale, offrono ai discendenti dei friulani emigrati la possibilità di scambi, per scoprire la terra dei loro antenati, condividendo identità e scoprendo radici comuni. Grazie alla cooperazione internazionale, la città di Avellaneda è entrata a far parte di un importante progetto di cooperazione e formazione che le ha permesso di rafforzare i rapporti col Friuli ma soprattutto di contribuire allo sviluppo della sua comunità e del suo territorio.

È in questo contesto che Avellaneda ha presentato al Comune di Pordenone, capofila dei Comuni coinvolti nella cooperazione internazionale, il Progetto LAZOS (parola che in spagnolo significa “legàmi”) col quale invita 15 giovani friulani a visitare quella regione per perfezionare la lingua spagnola, approfondendone la cultura. In tal modo si potranno creare nuovi legami di amicizia e condivisione, un ponte che unisce due comunità al di qua e al di là dell’oceano.

Il Progetto LAZOS è destinato a studenti tra i 15 e i 17 anni, residenti in Friuli Venezia Giulia, che la prossima estate desiderino vivere un’esperienza formativa e culturale in Argentina, ospitati presso famiglie argentine di origine friulana, preferibilmente con figli della stessa età. Parole d’ordine: ospitalità, condivisione della vita quotidiana, formazione linguistica e crescita personale.

Il progetto prevede l'organizzazione di un cronogramma composto da diverse attività, come la frequenza di corsi specifici di cultura argentina e lingua spagnola (storia, geografia, organizzazione politica, musica, arte, economia, natura), uscite turistiche e culturali per conoscere il territorio e visitare le attrazioni storiche e geografiche delle importanti località del Sud America. All’arrivo in Argentina, è previsto l'accompagnamento e le visite guidate nella città di Buenos Aires. Ci sarà anche la possibilità di visita al capoluogo della Provincia, Santa Fe e alla città di Rosario e, a richiesta degli studenti e a carico degli stessi, si potrà organizzare una visita alle Cataratas del Iguazú (cascate), Patrimonio Naturale dell’Umanità e una delle Sette Meraviglie Naturali del Mondo, con il coordinamento e l’accompagnamento dell’organizzazione. In questo caso il rientro in Italia è previsto da Puerto Iguazú con scalo a Buenos Aires.

L’organizzazione del soggiorno e le attività sul territorio si svolgeranno sotto la responsabilità del Comune di Avellaneda, in coordinamento con il Centro Friulano di Avellaneda e il sostegno di altre Istituzioni della città.

Il progetto ha la durata di un mese. L’arrivo degli studenti ad Avellaneda è previsto per il 3 luglio 2024, mentre il loro rientro in Italia per il 2 agosto.

Questi i requisiti per la domanda: avere tra i 15 e i 17 anni, essere residenti in regione, possedere una conoscenza base della lingua spagnola, poter acquistare il biglietto aereo comprensivo di assicurazione medica, avere il Passaporto valido, essere motivati a vivere presso una famiglia e una comunità con abitudini diverse dalle proprie rispettando le regole degli organizzatori, essere motivati a creare legame coi coetanei argentini. Inoltre è necessario che la propria famiglia sia disponibile ad accogliere i ragazzi di Avellaneda che partecipano al progetto “Studiare in Friuli”.

A carico di ogni singolo studente ci sarà il biglietto aereo A/R, l’assicurazione sanitaria, il costo del trasposto in bus Buenos Aires-Reconquista e l’eventuale viaggio alle cascate dell’Iguazù (se richiesto dai partecipanti), mentre tutta la parte formativa e di lingua, le visite turistico-culturali nel territorio, guida e accompagnamento permanente, vitto e alloggio presso le famiglie locali saranno a carico del Comune di Avellaneda, in coordinamento con il Centro Friulano di Avellaneda e altre istituzioni della città.

Gli studenti candidati dovranno inviare domanda d’iscrizione firmata da entrambi i genitori, assieme al questionario conoscitivo dello studente e dei genitori, alla lettera motivazionale, alla copia di Passaporto o carta di identità e di un video di presentazione del candidato (file.mp3 di durata non superiore a 3 minuti, da inviare come allegato oppure link) entro il 31 marzo 2024 all’indirizzo di posta proyectos@avellaneda.gob.ar , in copia a friulanosavellaneda@gmail.com

Per conoscere meglio il progetto e porre domande in merito, l’appuntamento è online lunedì 4 marzo 2024 alle 18:00 ore italiane collegandosi al link:

https://meet.google.com/ksa-vaym-nqi

Maggiori informazioni alla pagina web https://avellaneda.gob.ar/gobierno/proyectos/ o nella home page del sito www.comune.pordenone.it



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-02-2024 alle 17:45 sul giornale del 13 febbraio 2024 - 22 letture






qrcode